I Verdi al governo criminalizzano gli ambientalisti

0
6

Germania Partito moderato, centrista, restio ad assecondare qualunque insorgenza di conflittualità sociale, più che prudente nei rapporti con i grandi interessi economici.
Era inevitabile che i Grünen finissero con l’entrare in rotta di collisione con i movimenti ambientalisti e pacifisti

Lützerath, il nome di questo piccolo borgo agricolo del Nordrhein-Westfalen resterà a lungo nella memoria politica della Bundesrepublik. Non solo per lo scontro, non proprio pacifico, che oppone in questi giorni le attiviste e gli attivisti che lo occupano e intendono difenderlo a oltranza a un imponente schieramento di polizia incaricato di sgomberarlo ad ogni costo per consentire, previa demolizione, l’allargamento della già sterminata miniera di carbone di proprietà del colosso energetico Rwe.

Non è facile da spiegare come e perché in un paese dove i Verdi sono al governo federale in una posizione di massimo rilievo e in un Land dove a loro volta governano, ma qui con la democristiana Cdu, appoggino sgombero poliziesco e incremento di uno sfruttamento minerario tra i più nefasti per il mutamento climatico. Ormai da tempo campioni di un “realismo politico” che si confonde con una vocazione governativa che sembra prevalere su ogni altro ordine di considerazioni, i Grünen rivendicano il merito di aver ottenuto in cambio del buco di Lützerath una uscita anticipata dall’impiego energetico del carbone.

Un ottimo compromesso, sostengono i vertici del partito. Fatto sta che, al di là dagli impegni per il futuro, sempre aleatori e pronti ad essere sospesi di fronte a questo o quel fattore di crisi, il segnale politico immediato va in senso diametralmente opposto a qualsiasi percorso di contrasto al cambiamento climatico e alla devastazione del territorio, per non parlare della sensibilità ambientalista. Scelta tanto più incomprensibile di fronte al pronunciamento di diversi centri di ricerca sull’assoluta inutilità dell’ampliamento minerario nella regione renana per il fabbisogno energetico del Paese.

L’invasione russa dell’Ucraina ha dato una buona mano ai signori dei combustibili fossili e del nucleare cosicché non è escluso che, a guerra finita, possa trarne il suo tornaconto, rimettendo in gioco i suoi immensi giacimenti. Sullo sfondo del conflitto i Verdi tedeschi si erano del resto già convertiti al massiccio riarmo della Germania e al suo stratosferico costo, simbolico e finanziario.

Partito  moderato,  centrista,  restio  ad  assecondare  qualunque  insorgenza  di conflittualità sociale, più che prudente nei rapporti con i grandi interessi economici, era inevitabile che i Grünen finissero con l’entrare in rotta di collisione con i movimenti ambientalisti e pacifisti, per non parlare dell’esecrata Last Generation, nonché (come già era successo alla Spd negli anni Sessanta con la secessione dell’Sds) con la propria organizzazione giovanile schierata dalla parte degli occupanti di Lützerath. Luogo che simboleggia ormai un enorme paradosso e che deve essere cancellato soprattutto per ristabilire un ordine politico di priorità che ricacci la crisi climatica su uno sfondo così cosmicamente oscuro e inarrivabile da poter essere all’occasione rimossa.

Il Manifesto, 15 Gennaio 2023

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here