Appello per difendere l’Amazzonia e i territori indigeni!

0
51

Sono una delle poche deputate indigene del Congresso brasiliano, e vi mando questa email anche se potrebbe provocare gravi conseguenze politiche per me. Ma stanno attaccando le nostre foreste… quindi devo correre il rischio.

Qualche giorno fa, il Congresso brasiliano ha approvato una legge che darà accesso a minatori e taglialegna alle nostre foreste e terre sacre, un attacco diretto ai diritti degli indigeni come me.

Il nostro paese è così diviso che  per bloccare questa legge abbiamo bisogno di una protesta così grande che coinvolga non solo i brasiliani ma anche persone da tutto il mondo. Il Brasile deve sentirsi gli occhi del mondo puntati addosso.

Ora spetta al Presidente Lula decidere se mettere il veto su questa legge, e ho bisogno del tuo aiuto per convincerlo.

Senza l’Amazzonia ed altri biomi e senza la protezione che i popoli indigeni offrono alle nostre foreste, fiumi e biodiversità, l’apocalisse ecologica globale sarà inevitabile.

Vi chiedo di firmare ora questo appello urgente per opporci alla legge 2903/2023 e fermare questo attacco contro la foresta amazzonica e le terre indigene. Porterò io stessa le nostre voci direttamente al Congresso brasiliano e al presidente Lula, appena raggiungeremo 1 milione di firme.

APPELLO Al Congresso brasiliano e al Presidente del Brasile Luiz Inácio Lula da Silva:

Vi chiediamo di fermare il voto sul disegno di legge 490/07 (chiamata legge 2903/2023 in Senato), che svuoterà il potere del Governo di proteggere la foresta pluviale, toglierà i diritti alla terra a centinaia di comunità indigene e farà regredire di quasi 30 anni i progressi raggiunti nella protezione dell’Amazzonia e dei biomi fondamentali. Questo attacco incostituzionale ai diritti dei popoli indigeni deve essere respinto. Vi chiediamo inoltre di fermare immediatamente tutti i tentativi di indebolire il Ministero dei Popoli Indigeni e il Ministero dell’Ambiente del Brasile. Senza di loro, non c’è futuro per il Brasile e per il suo popolo.

 

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here