Tra i pacifisti ci sono anche i nonviolenti.

0
23

Il Centro di ricerca per la pace, i diritti umani e la difesa della biosfera:

“Alle competenti magistrature affinchè intervengano  per quanto di competenza. Esposto contro la decisione del governo italiano di inviare armi in Ucraina, così contribuendo alla guerra e alle stragi di cui essa consiste, in flagrante violazione dell’articolo 11 della Costituzione della Repubblica Italiana.

Una decisione incostituzionale ed assassina. La decisione del governo italiano di inviare armi in un paese in cui una guerra è in corso, armando una delle parti belligeranti (la parte aggredita che legittimamente resiste all’invasione ma che ha commesso l’errore di aver scelto una sanguinosa resistenza armata anzichè una resistenza nonviolenta che sola avrebbe potuto essere efficace e vittoriosa, ed avrebbe salvato innumerevoli vite ed impedito immani distruzioni) è immorale e illegale. Tale sciagurata decisione contribuendo alla guerra, rendendo quindi lo stato italiano effettivamente partecipe della guerra e delle uccisioni di cui essa consiste, invece di adoperarsi per la pace e per salvare le vite che la guerra minaccia e distrugge, costituisce una flagrante violazione dell’articolo 11 della Costituzione della Repubblica Italiana.

Sia chiaro una volta per tutte: soccorrere le vittime è un dovere, provocare ulteriori uccisioni è un crimine. Inviando armi l’Italia non salva le vite, contribuisce alle stragi ed estende la guerra, una guerra che può facilmente diventare un conflitto mondiale che potrebbe porre fine all’umanità, come ha più volte denunciato in queste settimane la voce tanto autorevole quanto inascoltata del pontefice cattolico.

(continua)

Rete Ambientalista

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here