L’Assemblea Capitolina approva la mozione per dotare della pistola taser la polizia municipale

0
211

Il 24 marzo 2022 l’Assemblea capitolina ha approvato una mozione di Dario Nanni (lista Calenda) che impegna il Sindaco a dotare i vigili urbani romani della Taser. 35 i presenti, 22 i voti favorevoli, solo 4 i contrari.

Nessun dibattito e nemmeno intenzioni di voto, a parte quello di Rachele Mussolini di Fratelli d’Italia, a sostegno.

Carteinregola tre anni fa aveva rilanciato l’iniziativa dell’Associazione Antigone, che chiedeva ai Comuni di approvare un ordine del giorno per non dare seguito alla sperimentazione per dotare dell’arma la Polizia locale (> Vedi articolo Carteinregola 27 marzo 2019: Sindaca Raggi, anche Roma dica no al taser)

All’ODG di Antigone avevano aderito i comuni di Palermo, di Torino (dove  era stata approvato da una maggioranza trasversale PD/Sinistra/M5S), di Milano (Sindaco Sala) e di Bergamo. In Campidoglio nell’agosto 2019 una analoga mozione presentata dalla Lega era stata bocciata con 2 voti contrari, 2 favorevoli e 21 voti d’astensione (tra i quali quelli della maggioranza M5S ).

Evidentemente qualcosa è cambiato.

Anna Maria Bianchi Missaglia

Per osservazioni e precisazioni: laboratoriocarteinregola@ gmail.com

Un gruppo di cittadine e cittadini tra i quali molti membri di Carteinregola ha promosso una contromozione civica rivolta al Sindaco Gualtieri e alla Giunta, ma anche ai Presidenti e ai Consiglieri municipali (per sottoscriverla massimocomunemultiplo@gmail.com)

eccola:

 CONTROMOZIONE CIVICA Per l’esclusione dell’utilizzo della pistola taser da parte della Polizia di Roma

Il 24 marzo 2022 l’Assemblea capitolina ha approvato una mozione di Dario Nanni (lista Calenda), in cui è confluita analoga mozione di FdI, che impegna il Sindaco a dotare i vigili urbani romani di pistola taser*. La pistola, dotata di un dispositivo che fa uso dell’elettricità per impedire il movimento del soggetto colpito facendone contrarre i muscoli, è un’arma pericolosa, per le conseguenze che può provocare sulla salute di persone fragili (cardiopatici, donne incinte, persone sotto l’effetto di sostanze stupefacenti ecc)** ma anche per gli effetti causati dalla caduta del soggetto colpito. Nell’agosto 2019 una mozione analoga, presentata dalla Lega, era stata bocciata con 2 voti contrari, 2 favorevoli e 21 voti d’astensione (tra i quali quelli della maggioranza M5S ). Ora invece dei 35 Consiglieri presenti, 22 hanno votato a favore, solo 4 contro. Nessun dibattito e nemmeno intenzioni di voto, a parte l’intervento di Rachele Mussolini di Fratelli d’Italia, a sostegno. E non rassicura l’aggiunta, prima del voto finale, al dispositivo “L’assemblea impegna il Sindaco e la Giunta a rivedere, sulla base delle normative vigenti in materia, i relativi regolamenti applicativi al fine di introdurre la Taser tra gli strumenti di difesa personale e autotutela degli agenti di polizia locale di Roma Capitale” del testo seguente : “e per la sicurezza dei cittadini, anche in funzione della limitazione dell’uso di armi da fuoco, nonchè prevedere uno specifico ciclo di formazione per coloro che ne faranno uso***, nonchè prevedere la dotazione di un defibrillatore nelle auto di servizio che consenta di intervenire tempestivamente in caso di aritmie gravi indotte dallo stimolo elettrico

Per questo le scriventi cittadine e cittadini propongono all’attenzione del Sindaco e della Giunta di Roma Capitale una

CONTROMOZIONE CIVICA Per l’esclusione dell’utilizzo della pistola taser* da parte della Polizia di Roma

Premesso che

  • La Legge 1 dicembre 2018, n. 32 (G.U. 3 dicembre 2018), di conversione del decreto legge 4 ottobre 2018, n. 113 prevede tra l’altro  la possibilità di far adottare da parte delle Polizie Municipali dei Comuni con più di 100.000 abitanti le pistole a impulsi elettrici (“taser”).
  • Dal 14 marzo 2022 in 18 città italiane, compresa la Capitale,  le forze dell’ordine – Polizia di Stato, Carabinieri, Guardia di Finanza –  hanno a disposizione le pistole taser
  • Il 26 marzo  2022 l’Assemblea Capitolina ha approvato una mozione che impegna il Sindaco a avviare le procedure per “introdurre la taser tra gli strumenti di difesa personale e autotutela degli agenti di Polizia locale di Roma capitale

Considerato che**

L’Associazione “Antigone” ha segnalato che: “Organismi internazionali intergovernativi e non governativi hanno stigmatizzato l’uso della pistola taser in quanto potenzialmente mortale e mai realmente sostitutiva di armi da fuoco. Tra questi vi è il Comitato ONU contro la Tortura, che si è espresso contrariamente all’introduzione in Portogallo di misure che ne autorizzassero l’utilizzo, essendo forte il rischio di maltrattamenti a esse legato” e che “dal 2000 a oggi, secondo un rapporto investigativo dell’agenzia d’informazione Reuters, sono più di 1000 le persone morte negli Stati Uniti d’America contro cui la Polizia aveva utilizzato la pistola Taser. Per 153 di queste morti è stato accertato che la pistola ha causato il decesso o vi ha contribuito. In 9 casi su 10 poi le persone colpite erano disarmate e in 4 su 10 soffrivano di disturbi mentali o malattie neurologiche” e che “secondo un’indagine di Amnesty International, tra il 2001 e il 2012 più di 500 persone sono morte negli Stati Uniti d’America dopo essere state colpite da pistole Taser”, insieme ad altre varie controindicazioni.

Tenuto conto che

  • La richiesta  dall’Associazione “Antigone” nel dicembre 2018  che invitava i Consigli comunali e i Sindaci a non dotare il Corpo di Polizia Municipale della taser è stata portata e approvata dai Consigli comunali di Palermo, Torino, Milano, Firenze e Bergamo.
  • Una mozione della Lega in Campidoglio che impegnava la Sindaca di Roma Virginia Raggi e la sua Giunta a “porre in essere ogni misura atta a consentire la sperimentazione e dotazione al corpo di Polizia urbana di Roma capitale delle armi ad impulsi elettrici” era  già stata presentata in Assemblea Capitolina nell’agosto 2019 e bocciata con 2 voti contrari, 2 favorevoli e 21 voti d’astensione

Tutto ciò premesso

I CITTADINI   E  LE CITTADINE FIRMATARI  INVITANO  IL SINDACO E LA GIUNTA

A non dotare il Corpo di Polizia Municipale della città di Roma Capitale della pistola taser, un dispositivo particolarmente pericoloso, specie nei confronti dei soggetti più vulnerabili.

 

 

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here